Elenco Offerte Scontate | Festività | Giochi | Ricerca Guidata | Vacanze insieme | Last Minute | Last Second | Voli Scontati | Informazioni | Area Clienti

Accumula subito più Sesterzi! Ricevi le nostre news letter e ne prendi 10 per ognuna che clicchi

Gioca e Viaggia: conquista le Maldive con i Tuoi Sesterzi

Indietro

Classico e Yala Park

Si trova in Sri Lanka \ Tour

Programma di viaggio
partenze garantite minimo 2 persone

1° giorno: Italia - Colombo                
Partenza con voli di linea per Colombo, pernottamento e servizi di bordo.

2° giorno: Colombo (km 37)
Arrivo all’aereoporto internazionale di Colombo, dove sarete accolti dallo staff e dalla guida parlante italiano. Partenza per Colombo, per una breve visita. 
Colombo - la capitale commerciale e di scambi è stata a lungo la porta d'ingresso tradizionale per l'Oriente. La più grande città dello Sri Lanka, si trova sulla costa occidentale e riunisce tutte le culture, le religioni e le influenze di terre straniere in un pot-pourri di suoni, odori e un caleidoscopio di colori. I commercianti originali e i coloni arabi, portoghesi, olandesi e inglesi hanno lasciato una loro scia nelle chiese e monumenti, i nomi e le religioni, costumi e cibo e tracce delle loro lingue che sono stati assorbiti nel parlare dei Sri Lankesi. Oggi, Colombo è una città affascinante, un felice connubio tra est e ovest, passato e presente, con un fascino tutto suo. Un fatto meno noto ma incredibilmente vero è che Colombo ha una superba serie di ristoranti di alta qualità che servono cibo provenienti da tutto il mondo e alcune delle migliori opportunità di shopping in Asia. Il porto principale dello Sri Lanka è a Colombo e ad essa adiacente è Pettah, un bazar locale e zona di commercio. Altri luoghi di interesse sono gli splendidi templi buddisti, templi indù, moschee, la storica chiesa Wolfendhal (1749), zone residenziali dove si trovano le case signorili dei ricchi, il Museo di Colombo, il nuovo parlamento in Sri Lanka. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno: Colombo - Pinnawela - Dambulla/Habarana (189 km)
Dopo la prima colazione, partenza verso Dambulla/Habarana. Sosta all’orfanotrofio per elefanti di Pinnawela, in tempo per assistere alla balneazione e all'allattamento con biberon ai cuccioli di elefante. Situato tra le colline verdeggianti di Kegalle è un orfanotrofio unico al mondo stabilito per nutrire, curare e alloggiare giovani elefanti persi o abbandonati dalle loro madri. Altri occupanti sono elefanti sfollati dai loro dintorni naturali con progetti di sviluppo o di quelli che si trovano feriti. Fondato nel 1975, da Wildlife Department e National Zoological gardens che successivamente hanno portato a un programma di allevamento attraverso il quale sono stati portati alla luce più di 25 elefanti. Pranzo in ristorante locale. Proseguimento per l’hotel nell’area di Dambulla/Habarana, sistemazione nelle camere e tempo libero. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Habarana - Sigiriya - Polonnaruwa - Habarana
Prima colazione in hotel. La mattinata è dedicata alla visita di Sigiriya, un grande masso di pietra rossa sulla cui cima un re patricida costruì un magnifico palazzo. Sigiriya è chiamata anche la “roccia del leone” per le zampe artigliate che erano state costruite per custodire l’ingresso alla reggia fortificata. Per raggiungere la sommità si devono salire “solo” 1200 gradini. Dall’alto della roccia il panorama è stupendo e compensa la fatica della salita.
Sigiriya è praticamente un monolito gigante che spunta in mezzo a una pianura ricoperta da una fitta foresta, popolata da coccodrilli, scimmie e uccelli di ogni tipo. Sembra un meteorite caduto lì per caso. Alla base della roccia si potranno ammirare gli ampi giardini e la geometria raffinata delle vasche, delle siepi, dei canali e delle fontane. A metà salita si potranno ammirare gli affreschi di ventuno bellissime ragazze a seno nudo che offrono fiori e frutti. Sigiriya è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO nel 1982. Il pranzo sarà consumato in un ristorante locale tipico e tradizionale del paese: Priyamali Gedara. Il pranzo è cucinato alla vecchia maniera con legna da ardere e mangiato sotto tettoie (con tavoli e banchi di legno) con una vista sui campi.
Nel pomeriggio verrà effettuata l’escursione a Polonnaruwa. Nel 12° secolo d.C. la capitale medievale di Polonnaruwa fu uno dei più grandi agglomerati urbani nell’Asia del sud. Oggi, le rovine ben conservate danno la possibilità di comprendere le splendore di questo periodo e il talento artistico dei primi artigiani dell’isola. Fu la seconda capitale del Paese. Molte delle rovine esistenti sono la testimonianza di altrettante costruzioni edificate da Prakramabau il Grande: il Palazzo reale, la Camera del consiglio, il vatadage, il “gal pota” (libro di pietra lungo 9 metri) e l’enorme lago artificiale (chiamato Mare di Parakrama). Spicca fra tutti il celebre Budda dormiente, che è un po’ il simbolo della nazione e della sua fede. La statua rappresenta la morte del Budda, ma gli occidentali di solito restano sorpresi da questo atteggiamento. Da noi il concetto di morte è strettamente associato con quello di sofferenza e di dolore. La stupenda serenità del principe Siddharta (l’illuminato) manifesta invece uno stato di beatitudine, di nirvana.
Anche la città antica di Polonnaruwa è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1982. Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

5° giorno: Habarana - Dambulla - Matale - Kandy
Dopo la prima colazione si effettuerà la visita ai famosi templi rupestri di Dambulla, capolavori dell’arte buddista. Anche Dambulla fa parte del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Ogni tempio conserva dipinti raffiguranti scene di vita e statue dorate del Buddha in varie pose. Nel 1° secolo a.C. le caverne fornirono il rifugio al re che fuggì da una invasione che proveniva dall’India meridionale. Dopo essersi assicurato che avrebbe mantenuto il trono, il re, pieno di gratitudine fece costruire dei templi proprio nella roccia che gli aveva dato rifugio. Nei secoli successivi questi templi furono abbelliti dai suoi successori, specialmente durante il periodo Kandyano nel 17° e 18° secolo. Vi sono in tutto 5 grotte e la Maharaja Vihara è la più grande e spettacolare. L’energia spirituale a Dambulla è palpabile e qui l’arte buddista è nella sua forma più alta. Un ulteriore punto a favore è costituito dallo splendido panorama che si gode dall’alto. Proseguimento per Matale, una cittadina situata in una fertile vallata fra risaie, piantagioni di spezie e alberi della gomma (caucciù). Si potrà visitare un Giardino delle spezie e ammirare gli alberi del pepe, della cannella, dal cacao, della vaniglia. Pranzo. Nel pomeriggio si raggiungerà il Tempio del Dente, che custodisce la reliquia. La tradizione dice che sia stata portata sull’isola nascosta tra i capelli di una principessa indiana. La visita della città può comprendere anche una passeggiata attorno al grazioso lago artificiale, ai diversi templi indu, ai numerosi negozi di artigianato, di batik, di gioielli antichi d’argento. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

6° giorno: Kandy - Nuwara Eliya
Dopo la prima colazione partenza per Nuwara Eliya attraversando la suggestiva zona collinare delle piantagioni di tè che coprono ampie terrazze come un mare di color smeraldo (tragitto di 30 minuti in treno per consentire una visione più profonda degli splendidi paesaggi). Le donne che raccolgono il tè sono vestite con i tipici sari coloratissimi. Introdotto nell’isola nel lontano 18° secolo dagli inglesi, il tè costituisce una delle principali risorse economiche del paese. Alcune delle migliori marche di tè al mondo sono prodotte in questa zona. Pranzo in un caratteristico ristorante. Proseguimento del viaggio verso Nuwara Eliya dove si arriverà nel tardo pomeriggio. Nuwara Eliya si trova in montagna a circa 1800 m s.l.m. E’ chiamata anche “Little England” (piccola Inghilterra) e la notte la temperatura scende di parecchi gradi. Molte case hanno il camino e la sera il fumo esce dai camini accesi di molte casette in vecchio stile Tudor. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

7° giorno: Nuwara Eliya - Yala Park
Dopo la prima colazione si partirà per Tissamaharama. Si attraverseranno paesaggi in continua evoluzione, passando per l'imponente Cascata Ravana Ella. Visita anche al Tempio di Dova, ed Ella per una vista del “Gap”. Sosta lungo il tragitto per visitare il mercato locale in Wellawaya. Sistemazione in hotel a Tissamaharama. Nel pomeriggio possibilità di fare un Jeep Safari extra (facoltativo e in supplemento). Cena e pernottamento in hotel.

8° giorno: Yala Park - Colombo
Dopo la prima colazione si partirà per l’escursione con Jeep al Parco Nazionale di Yala. Situato a 309 km a sud di Colombo, Yala ha un estensione di 1259 kmq e si trova in un angolo sud-orientale dell'isola. Il terreno è molto vario, pianure si alternano a colture rocciose. La vegetazione varia da un parco aperto alla fitta giungla. La specialità è il gran numero di elefanti. Yala è il più grande parco nazionale in Sri Lanka ed è la casa di cinghiali, bufali selvatici, leopardi, orsi, cervi e coccodrilli. I visitatori possono anche vedere i grandi stormi di uccelli migratori ed indigeni. Ritorno all’hotel per colazione. Partenza verso Colombo, con sosta a Galle per visitare il museo Olandese. Sistemazione in hotel nell’area di Colombo, cena e pernottamento.

9° giorno: Colombo - Italia
Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto e partenza per il rientro in Italia.

 

Per motivi tecnici-operativi il programma potrebbe subire delle variazioni nello svolgimento e gli hotel potrebbero essere sostituiti con hotel della stessa categoria.

Tour Sri Lanka Classico e Yala Park
Partenze dal 1 Dicembre al 20 Aprile

1° giorno: Italia – Colombo
Partenza con voli di linea per Colombo, pernottamento e servizi di bordo.

2° giorno: Colombo (km 37)
Arrivo all’aereoporto internazionale di Colombo, dove il sarete accolti dallo staff e dalla guida parlante italiano. Trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

3° giorno: Colombo-Pinnawela-Dambulla/Habarana (189 km)
Dopo la prima colazione, breve visita di Colombo.
Colombo – la capitale commerciale e di scambi è stata a lungo la porta d'ingresso tradizionale per l'Oriente. La più grande città dello Sri Lanka, si trova sulla costa occidentale e riunisce tutte le culture, le religioni e le influenze di terre straniere in un pot-pourri di suoni, odori e un caleidoscopio di colori. I commercianti originali e i coloni - gli arabi, portoghesi, olandesi e gli inglesi hanno lasciato una loro scia nelle chiese e monumenti, i nomi e le religioni, costumi e cibo e tracce delle loro lingue che sono stati assorbiti nel parlare dei Sri Lankesi. Oggi, Colombo è una città affascinante, un felice connubio tra est e ovest, passato e presente, con un fascino tutto suo. Un fatto meno noto ma incredibilmente vero è che Colombo ha una superba serie di ristoranti di alta qualità che servono cibo provenienti da tutto il mondo e alcune delle migliori opportunità di shopping in Asia. Il porto principale dello Sri Lanka è a Colombo & ad essa adiacente, è Pettah, un bazar locale e zona di commercio. Altri luoghi di interesse sono gli splendidi templi buddisti, templi indù, moschee, la storica chiesa Wolfendhal, (1749) zone residenziali dove si trovano le case signorili dei ricchi, il Museo di Colombo, il nuovo parlamento in Sri Lanka. Partenza verso Dambulla/Habarana. Sosta all’orfanotrofio per elefanti di Pinnawela, in tempo per assistere alla balneazione e all'allattamento con biberon ai cuccioli di elefante. Situato tra le colline verdeggianti di Kegalle è un orfanotrofio unico al mondo stabilito per nutrire, curare e alloggiare giovani elefanti persi o abbandonati dalle loro madri. Altri occupanti sono elefanti sfollati dai loro dintorni naturali con progetti di sviluppo o di quelli che si trovano feriti. Fondato nel 1975, da Wildlife Department e National Zoological gardens che successivamente hanno portato a un programma di allevamento attraverso il quale sono stati portati alla luce più di 25 elefanti. Pranzo in ristorante locale. Proseguimento per l’hotel nell’area di Dambulla/Habarana, sistemazione nelle camere e tempo libero. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Habarana – Sigiriya – Polonnaruwa - Habarana
Prima colazione in hotel. La mattinata è dedicata alla visita di Sigiriya, un grande masso di pietra rossa sulla cui cima un re patricida costruì un magnifico palazzo. Sigiriya è chiamata anche la “roccia del leone” per le zampe artigliate che erano state costruite per custodire l’ingresso alla reggia fortificata. Per raggiungere la sommità. si devono salire “solo” 1200 gradini. Dall’alto della roccia il panorama è stupendo e compensa la fatica della salita. Sigiriya è praticamente un monolito gigante che spunta in mezzo a una pianura ricoperta da una fitta foresta, popolata da coccodrilli, scimmie e uccelli di ogni tipo. Sembra un meteorite caduto lì per caso. Alla base della roccia si potranno ammirare gli ampi giardini e la geometria raffinata delle vasche, delle siepi, dei canali e delle fontane. A metà salita si potranno ammirare gli affreschi di ventuno bellissime ragazze a seno nudo che offrono fiori e frutti. Sigiriya è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO nel 1982. Pranzo sarà in un ristorante locale tipico e tradizionale del paese: Priyamali Gedara. Il pranzo è cucinato alla vecchia maniera con legna da ardere e mangiato sotto tettoie (con tavoli e banchi di legno) con una vista sui campi.
Nel pomeriggio verrà effettuata l’escursione a Polonnaruwa. Nel 12° secolo d.C. la capitale medievale di Polonnaruwa fu uno dei più grandi agglomerati urbani nell’Asia del sud. Oggi, le rovine ben conservate danno la possibilità di comprendere le splendore di questo periodo e il talento artistico dei primi artigiani dell’isola. Fu la seconda capitale del Paese. Molte delle rovine esistenti sono la testimonianza di altrettante costruzioni edificate da Prakramabau il Grande: il Palazzo reale, la Camera del consiglio, il vatadage, il “gal pota” (libro di pietra lungo 9 metri) e l’enorme lago artificiale (chiamato Mare di Parakrama). Spicca fra tutti il celebre Budda dormiente, che è un po’ il simbolo della nazione e della sua fede. La statua rappresenta la morte del Budda, ma gli occidentali di solito restano sorpresi da questo atteggiamento. Da noi il concetto di morte è strettamente associato con quello di sofferenza e di dolore. La stupenda serenità del principe Siddharta (l’iluminato) manifesta invece uno stato di beatitudine, di nirvana.
Anche la città antica di Polonnaruwa è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO nel 1982.
Rientro in hotel per la cena e il pernottamento.

5° giorno: Habarana – Dambulla – Matale - Kandy
Dopo la prima colazione si effettuerà la visita ai famosi templi rupestri di Dambulla, capolavori dell’arte buddista. Anche Dambulla fa parte del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Ogni tempio conserva dipinti raffiguranti scene di vita e statue dorate del Buddha in varie pose. Nel 1° secolo a.C. le caverne fornirono il rifugio al re che fuggì da una invasione che proveniva dall’ India meridionale. Dopo essersi assicurato che avrebbe mantenuto il trono, il re, pieno di gratitudine fece costruire dei templi proprio nella roccia che gli aveva dato rifugio. Nei secoli successivi questi templi furono abbelliti dai suoi successori, specialmente durante il periodo Kandyano nel 17° e 18° secolo. Vi sono in tutto 5 grotte e la Maharaja Vihara è la più grande e spettacolare. L’energia spirituale a Dambulla è palpabile e qui l’arte buddista è nella sua forma più alta. Un ulteriore punto a favore è costituito dallo splendido panorama che si gode dall’alto. Proseguimento per Matale, una cittadina situata in una fertile vallata fra risaie, piantagioni di spezie e alberi della gomma (caucciù). Si potrà visitare un Giardino delle spezie e ammirare gli alberi del pepe, della cannella, dal cacao, della vaniglia. Pranzo in ristorante. Proseguimento per Kandy. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

6° giorno: Kandy
Prima colazione. Al mattino partenza per la visita del vicino Giardino Botanico Reale. Adagiata tra due montagne nella parte settentrionale e rurale dell’isola, la città reale di Kandy era la sede del regno indipendente dello Sri Lanka che sopravvisse 2 secoli alle incursioni coloniali dei portoghesi e degli olandesi prima di cadere in mano britannica nel 1815. La visita ai Giardini Botanici di Peradenya (7 km da Kandy) vi sorprenderà per la vastità del parco e per gli innumerevoli fiori e piante. I giardini si estendono per 60 ettari e furono creati nel XIV secolo all’epoca del regno di Vikrama Bahu II. Sono considerati fra i più ricchi del mondo e sono famosi per la straordinaria varietà di specie ornamentali, le numerose piante di spezie, enormi alberi tropicali, oltre 100 tipi di bambù e più di 300 varietà di orchidee e insoliti guardiani. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio si raggiungerà con i tipici tuk-tuk il Tempio del Dente, che custodisce la reliquia. La tradizione dice che sia stata portata sull’isola nascosta tra i capelli di una principessa indiana. La visita della città si completerà con una passeggiata attorno al grazioso lago artificiale, ai diversi templi indu, ai numerosi negozi di artigianato, di batik, di gioielli antichi d’argento. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

7° giorno: Kandy – Nuwara Eliya
Dopo la prima colazione partenza per Nuwara Eliya attraversando la suggestiva zona collinare delle piantagioni di tè che coprono ampie terrazze come un mare di color smeraldo (tragitto di 30 minuti in treno fino a Gampola per consentire una visione più profonda degli splendidi paesaggi). Le donne che raccolgono il tè sono vestite con i tipici sari coloratissimi. Introdotto nell’isola nel lontano 18° secolo dagli inglesi, il tè costituisce una delle principali risorse economiche del paese. Alcune delle migliori marche di tè al mondo sono prodotte in questa zona. Pranzo in un caratteristico ristorante. Proseguimento del viaggio verso Nuwara Eliya dove si arriverà nel tardo pomeriggio. Nuwara Eliya si trova in montagna a circa 1800 m s.l.m. E’ chiamata anche “Little England” (piccola Inghilterra) e la notte la temperatura scende di parecchi gradi. Molte case hanno il camino e la sera il fumo esce dai camini accesi di molte casette in vecchio stile Tudor. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

8° giorno: Nuwara Eliya – Yala Park
Dopo la prima colazione si partirà per Tissamaharama. Si attraverseranno paesaggi in continua evoluzione, passando per l'imponente Cascata Ravana Ella. Visita anche al Tempio di Dova, ed Ella per una vista del “Gap”. Pranzo in ristorante. Sosta lungo il tragitto per visitare il mercato locale in Wellawaya. Sistemazione in hotel a Tissamaharama. Nel pomeriggio possibilità di fare un Jeep Safari extra (facoltativo e in supplemento). Cena e pernottamento in hotel.

9° giorno: Yala Park - Colombo
Presto al mattino si partirà per l’escursione con Jeep al Parco Nazionale di Yala. Situato a 309 km a sud di Colombo, Yala ha un estensione di 1259 kmq e si trova in un angolo sud-orientale dell'isola. Il terreno è molto vario, pianure si alternano a colture rocciosi. La vegetazione varia da un parco aperto alla fitta giungla. La specialità è il gran numero di elefanti. Yala è il più grande parco nazionale in Sri Lanka ed è la casa di cinghiali, bufali selvatici, leopardi, orsi, cervi e coccodrilli. I visitatori possono anche vedere i grandi stormi di uccelli migratori ed indigeni. Ritorno all’hotel per colazione.
Partenza verso Colombo, con sosta a Galle per visitare il museo Olandese. Pranzo in ristorante. Sistemazione in hotel nell’area di colombo, cena e pernottamento.

10° giorno: Colombo/Italia
Dopo la prima colazione trasferimento all’aeroporto e partenza per il rientro in Italia.

Alberghi **** (o similari)
Colombo: Hotel Hilton – Hotel Ozo
Triangolo Culturale: Paradise & Spa Dambulla – Jetwing Lake Dambulla
Kandy: Earl’s Regent – Thilanka
Nuwara Eliya: Jetwing St. Andrew’s
Yala Park: Chandrika – The Safari
Colombo: Earls Reef Beruwela – Jie Jie Jetwing Panadura